Villa Medici a Roma, una domenica a Porte aperte

001In seguito al successo dell’anno scorso, Domenica 29 Marzo l’Accademia di Francia a Roma promuove la seconda edizione della giornata “porte aperte” a Villa Medici sul Pincio. Un’occasione preziosa e gratuita per il pubblico che voglia fruire della bellezza della Villa, dei suoi giardini e del panorama visibile da quello che è il sito più alto di Roma, e per coloro che siano interessati a scoprire le meravigliose sorprese conservate in uno dei luoghi più amati dal Cinquecento al Settecento.
Acquistata dal Cardinale Ferdinando de’ Medici nel 1576, chiamati diversi artisti perché la decorassero, Villa Medici si configurò presto come un grande museo all’aperto, arricchita dalle opere che mano a mano venivano ritrovate durante gli scavi nei possedimenti di famiglia, le quali venivano incastonate nella stessa facciata o posizionate scenograficamente all’interno del giardino, se non collocate all’interno della galleria interna nel caso dei pezzi più preziosi. In seguito le collezioni del Palazzo furono trasferite a Firenze, prima a fine Seicento e poi a fine Settecento, a motivo del quale quei capolavori – tra i quali si citano la Venere e il Vaso Medici, i Niobidi e i Lottatori – sono oggi in larga misura agli Uffizi. Napoleone Bonaparte destinò la Villa all’Accademia di Francia a Roma, che ha sede qui dal 1803, e oggi apre le porte agli amanti dell’arte e organizza in questa giornata delle visite guidate lungo diversi percorsi della durata di 30 minuti, a partire dalla mattina fino al tardo pomeriggio (dalle ore 10.00 alle 18.30): si potrà così ammirare la ricca facciata della Villa, addobbata con bassorilievi romani e copie di statue antiche, quindi la Loggia; la Gipsoteca che conserva la collezione di gessi realizzati in passato dagli studenti borsisti; il Padiglione di Ferdinando de’ Medici, spazio privato riccamente affrescato da Jacopo Zucchi nella seconda metà del Cinquecento, dove il Cardinale si ritirava; nel giardino si trova poi il meraviglioso gruppo dei Niobidi, copie in gesso delle sculture oggi agli Uffizi e ritrovate alla fine del Cinquecento in uno scavo archeologico, dai forti accenti dinamici e drammatici nel voler narrare col marmo il tragico destino toccato ai numerosi figli di Niobe, la quale aveva offeso gli dei Apollo e Diana.
Sono previste anche visite guidate per famiglie e bambini attraverso i giardini, nonché la mostra Teatro delle Esposizioni #6– Prendere tempo dedicata ai progetti degli artisti contemporanei residenti e la visita dei loro atelier.
La giornata dedicata all’arte e alla storia si concluderà con un concerto di musica contemporanea Controtempo alle ore 19.00 (prenotazione dalle ore 18 presso la biglietteria di Villa Medici; gratuito nel limite dei posti disponibili).

Sito ufficiale Villa Medici: http://www.villamedici.it/it
Per maggiori informazioni sull’evento: http://www.villamedici.it/it/programma-culturale/programma-culturale/2015/03/giornata-porte-aperte/

Roma 29 Marzo 2015
Giornata porte aperte – Villa Medici (visite guidate dalle ore 10.00 alle 18.30; concerto ore 19.00)
Accademia di Francia a Roma – Villa Medici, Viale della Trinità dei Monti 1
Tel. 06 67611

 

Claudia Pruner

© Riproduzione Riservata
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: