Un classico è un libro che non ha mai finito di trasmettere il suo messaggio

1430028827-libri-classici-leggereAl giorno d’oggi è raro che si leggano i libri classici come l’ “Antigone” di Sofocle, il “don Chisciotte” di Cervantes o la “Il Canzoniere” di Petrarca, se non imposti a scuola. La maggior parte delle volte si considerano i classici libri obsoleti, troppo lontani dalle abitudini quotidiane. Il XXI secolo, molto fiorente per le numerose scoperte e all’avanguardia rispetto alla società di diversi secoli fa, sembra apparentemente non servirsi del valore trasmesso da un vecchio libro. Invece, seppur intercorrono moltissimi secoli tra noi e i filosofi greci, eppure a volte con i loro pensieri sembrano comprenderci più di quanto immaginiamo, perché rispecchiano molte domande che l’uomo si pone da secoli e continua a non trovare una risposta. E’ fondamentale leggerli perché permettono di ispirarsi ai loro modelli di vita e ai loro pensieri creando una personale filosofia di vita o insegnano a prendere le distanze dai modelli sbagliati. Per esempio Creonte nell’”Antigone” di Sofocle è costretto a condannare una donna che ha violato la legge, ma quando scopre che questa donna è Antigone, sua nipote, non esita a condannarla. Non può decidere di salvare i suoi familiari solo perché è il re della città, ma deve compiere il suo dovere.
I classici ci trasmettono un’infinità di valori che oggi non esistono più o tendono a scomparire. Alla fine non sono opere che si leggono per la prima volta. “I classici sono quei libri che ci arrivano portando su di sé la traccia delle letture che hanno preceduto la nostra e dietro di sé la traccia che hanno lasciato nella cultura o nelle culture che lo hanno attraversato”, come afferma Italo Calvino.
La lettura e l’approfondimento delle opere classiche ci permette anche di sviluppare un tipo di intelligenza, l’ intelligenza esistenziale, che ci permette di riflettere sui grandi temi come la natura e l’esistenza dell’uomo. Questo pensiero si può sviluppare solo venendo a contatto con delle correnti filosofiche che ci hanno preceduto e traendone spunto. Conoscendo il passato si può vivere il presente e progettare un futuro più ricco.

Martina Ragone

© Riproduzione Riservata
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: