Scambio di idee filosofiche arabo-cristiane

300px-Lb_usj1È da poco terminata una serie di appuntamenti sulla cultura letteraria filosofico-teologica arabo-cristiana progettati dal CERPOC (Centro per la Ricerca e le Pubblicazioni dell´Oriente Cristiano) della prestigiosa Università Saint- Joseph di Beirut.
A conclusione di un anno di studi è stato presentato il volume in edizione arabo-francese di Nadine Abbas dal titolo indicativo: “Réponse de Yahya Ibn´Adi à Ibn al-Warraq. Une disputation islamo-chretienne du Xe siècle”. Si tratta di una famosa discussione, piena di rilevanti suggerimenti, nell´ambito della storia della filosofia araba, avuta luogo nella splendida ambientazione culturale di Bagdad negli anni della viva affermazione della civiltà araba. La salvaguardia dell’identità cristiana è arricchita da una attenta riflessione della tradizione aristotelica, in cui l´esercizio della ragione si pone al servizio della fede con una successione di appassionate elaborazioni logiche.
Yahia Ibn ´Adi (Tikrit 893 – Bagdad 974) fu un personaggio essenziale per la sua attività di traduzione dal siriaco e per il progresso del pensiero filosofica grazie anche al suo instancabile fervore didattico e pedagogico. Faceva parte della Chiesa Ortodossa Siriaca, generalmente nota come Giacobita, e il suo corpo riposa ancora oggi nella Chiesa di San Tommaso di Bagdad. Fu seguace di Abu Bishr Matta ibn Yunus (870-970), celebre filosofo nestoriano iniziatore della così chiamata Scuola di Bagdad e maestro, tra l´altro, di Al-Farabi.
In qualità di insegnante ebbe modo di istruire intere generazioni di ricercatori sia musulmani che cristiani. Tra i suoi discepoli Ibn Miskawayr (932-1030), storico e dignitario della corte buyide, scrittore di un’opera di carattere etico-morale – con lo stesso titolo di quella del maestro – diventata un punto di riferimento nella tradizione islamica neoplatonica.

Antonio Calisi

© Riproduzione Riservata
Antonio Calisi

Antonio Calisi

Direttore Editoriale

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: