“Qualcosa di nuovo” per Cristina, Paola e Micaela

53055

Più diverse di così, tra loro, Lucia e Maria non potrebbero essere. Nonostante tutto, amiche da una vita, con qualche segno comune: single, non proprio ragazzine e soprattutto deluse dagli uomini. Storie di donne che amano, si accapigliano, cadono e si rialzano, si godono la libertà di andare a letto con il primo che capita o al contrario bacchettano l’amica troppo facile. Donne single con figli al seguito, amiche-nemiche che si confidano, si punzecchiano, che sono in simbiosi.

Con Qualcosa di nuovo, nelle sale dal 13 ottobre, Cristina Comencini firma il suo dodicesimo film, torna a indagare l’universo femminile a lei così caro (l’ultimo Latin lover con la compianta Virna Lisi) e si affida al cliché cercando di romperne gli schemi e proponendo nella commedia italiana una strana coppia tutta al femminile: Lucia e Maria, rispettivamente Paola Cortellesi (co-sceneggiatrice insieme a Giulia Calenda) e Micaela Ramazzati, amiche da una vita, single per scelta.

Si conoscono praticamente da sempre, sono l’una agli antipodi dell’altra e con il genere maschile ognuna ha sigillato il proprio patto: Maria, madre di due bambini, per sua natura disordinata, che degli uomini non riesce proprio a fare a meno, perché se un uomo le piace ci va a letto, preferendo “il linguaggio del corpo più sicuro e diretto” e Lucia, esattamente agli antipodi e maniaca dell’ordine, compensa le frustrazioni nel suo mestiere di cantante jazz, “rigida, spadona e gufa” e costretta a sentire le continue ramanzine dell’amica, con gli uomini ha chiuso costruendo una muraglia invalicabile.

Gli uomini? Toy boy per una e fantasmi del passato per l’altra. Ma un uomo arriva come una bufera a scombinare il presente di entrambe. Che proprio Uomo non è. Un ragazzo di appena 19 anni, Luca (Eduardo Valdarnini), una passione per la musica elettronica, gli esami di maturità alle porte e un universo femminile incarnato da una madre maniaca dell’ordine e dalla sua giovane storia con Anna, che lo ha lasciato per uno più maturo.

Il film è un’adattamento di una piece teatrale scritta e diretta dalla stessa Comencini, La scena, e diventato lo spettacolo più visto del 2014 (un’operazione già avvenuta nel 2009 con il testo teatrale di Due partite). Se sul palcoscenico ci sono Angela Finocchiaro e Maria Amelia Monti, sul grande schermo c’è la coppia Micaela-Paola. Per la prima volta insieme ciascuna segue i propri caratteri specifici, in un costante interagire armonico molto efficace e valido per entrambe. Il giovanissimo Valdarnini paga inevitabilmente l’inesperienza, ma riesce ad amalgamarsi con le due interpreti principali fino a rivelare una propria personalissima cifra senza sbavature.

Una commedia degli equivoci, con conseguente scambio di ruoli che danno vita a siparietti, gag, bugie in cui un toy boy offrirà alle due donne la possibilità di guardarsi allo specchio e di prendersi una vacanza da se stesse, per entrambe Qualcosa di nuovo.

Ilaria Sinopoli

© Riproduzione Riservata
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: