Personaggi illustri di Bari: Nicola Damiani

Per conoscere Bari e la sua storia attraverso i personaggi che hanno dato lustro alla città

Commeorazione-Nicola-DamianiNicola Damiani (Bari, 1921 – Bari, 13 dicembre 2009) è stato un medico, politico e saggista.

Figlio di un commerciante di origine bitontina, fu medico, docente di Ginecologia ed Ostetricia. Primario dell’Ospedale “Di Venere” di Bari. Consigliere della Cassa del Mezzogiorno. Vice presidente della SIGO. Sindaco di Bari. Membro del Consiglio Provinciale alla Provincia di Bari. Presidente del CIAPI di Bari.

Si laureò in medicina e chirurgia e fu assistente di Rodolfo Amprino in Anatomia Umana, con il quale, già da studente, aveva svolto attività e lavori scientifici. Durante gli anni universitari era stato attivo protagonista dello sport barese e campione di nuoto in varie categorie.

Dopo l’università si iscrisse, quindi, alla specializzazione in ostetricia e ginecologia diretta da Giacomo Aimerich e si specializzò nel 1951, dopo aver vinto la borsa di studio Fullbright ed essersi recato presso la Columbia University di New York, dedicandosi a studi sui primi metodi radioimmunologici di dosaggio degli ormoni. Fu assistente di Ettore De Biasi conseguì la libera docenza nella materia.

Nel 1960, vinse il concorso per l’incarico di Primario nell’Ospedale “Di Venere” dove fondò una scuola ospedaliera della specialità. Promosse studi e tradusse in pratica il monitoraggio biofisico fetale, in stretta collaborazione con le scuole dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma e con l’Università di Trieste.

In occasione del Congresso SIGO del 1980, fu tra i fautori della presa di coscienza della “rivoluzione copernicana che – sono parole sue – promuoveva il feto ad obiettivo diretto di studio come un normale paziente”. Fu tra i primi studiosi a sottolineare le problematiche legate all’alta incidenza del parto per via laparotomica.

Nicola Damiani, cattolico praticante, militò, con Aldo Moro, nella FUCI.

Eletto consigliere comunale nelle liste della Democrazia Cristiana e divenne sindaco di Bari nel 1956 dando vita alla prima esperienza di laboratorio politico che avrebbe anticipato l’apertura a sinistra della DC. Il suo governo della città durò nove mesi.

In seguito fu Consigliere Provinciale della Provincia di Bari, e fu nominato dal Governo nazionale Consigliere della Cassa per il Mezzogiorno; per questa funzione fu anche Presidente del CIAPI di Bari, un istituto di formazione professionale.

Da cattolico di profonda convinzione aveva combattuto tutte le battaglie, in particolare contro l’aborto, partecipando a conferenze, dibattiti, confronti, scrivendo articoli su varie riviste. Inoltre fu un valido esponente del meridionalismo barese costituendo il Gruppo dei meridionalisti con Renato Dell’Andro, Giuseppe Di Vagno, Mario Del Viscovo, Vittore Fiore e Giovanni Papapietro.

Ha trascorso gli ultimi anni di vita tra gli amati studi e in compagnia dei suoi cari, nella sua casa barese, di fronte al suo amato mare Adriatico che tante battaglie civili gli aveva ispirato. Si è spento dopo una lunga malattia a Bari il 13 dicembre del 2009.

Nicola Damiani fu autore di numerosi saggi e ricordi su Aldo Moro. Nell’ottobre 2008 fu primo consulente alla sceneggiatura del cortometraggio Una Passeggiata invernale scritto dallo studioso e sceneggiatore barese Carlo Coppola e dedicato agli anni post universitari a Bari di Aldo Moro.

 

© Riproduzione Riservata
Antonio Calisi

Antonio Calisi

Direttore Editoriale

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: