Personaggi illustri di Bari: Francesco Saverio Abbrescia

Per conoscere Bari e la sua storia attraverso i personaggi che hanno dato lustro alla città

F._S._AbbresciaFrancesco Saverio Abbrescia (Bari, 12 luglio 1813 – Bari, 9 novembre 1852) è stato un poeta e presbitero italiano.
Frequentò il regio liceo delle Puglie e poi il seminario arcivescovile di Bari. All’età di 30 anni divenne canonico della basilica di San Nicola e a 32 fu assunto come professore di lettere nel liceo del quale era stato studente.
Ricevette la considerazione delle persone più importanti di quel tempo, tra i quali Giordano Bianchi Dottula ed Angelo Mai, e fu membro dell’Accademia Pontaniana, dell’Accademia romana di religione cattolica, dell’Accademia dell’Arcadia e della Società economica della provincia di Bari.
Fu studioso del dialetto barese, componendo poesie di carattere sacro e profano, senza tuttavia dimenticare la poesia in lingua. Molte delle sue opere di carattere sacro sono destinate a san Nicola.
Nel 1848 redasse tre componimenti dialettali di carattere politico, inneggianti alla Costituzione accordata in quell’anno da re Ferdinando II di Borbone. Per questi suoi sentimenti palesemente liberali, quando il re violò la Costituzione, Abbrescia fu incolpato di avere celebrato in San Nicola una messa per commemorare, il 10 febbraio 1849, l’anniversario della concessione. Per questa ragione il 19 maggio 1851 fu avviato un processo a suo carico, ma l’indulto del successivo 3 luglio annullò l’azione giudiziaria. Senza tener conto di ciò rimase segnalato come “liberale pericoloso”.
Morì a Bari all’età di appena 39 anni, malato nel corpo e afflitto nello spirito per le avversità subite.

Antonio Calisi

© Riproduzione Riservata
Antonio Calisi

Antonio Calisi

Direttore Editoriale

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: