Il Papa all’Angelus prega per l’Ucraina e il Lesotho ed è vicino ai cristiani iracheni perseguitati

iraq-cristiani-fuga-stato-islamicoIl Papa eleva un monito contro la violenza  e lo fa parlando dell’Ucraina, del Lesotho e dell’Iraq, Paesi lontani fra loro ma accomunati da una situazione sociale che preoccupa moltissimo il Pontefice.

Papa Francesco è vicino a questi popoli e dice: “Auspico che essi possano recare sollievo alla popolazione e contribuire agli sforzi per una pace duratura. Preghiamo affinché, nella logica dell’incontro, il dialogo iniziato possa proseguire e portare il frutto sperato. Maria, Regina della Pace, prega per noi. Unisco inoltre la mia voce a quella dei Vescovi del Lesotho, che hanno rivolto un appello per la pace in quel Paese. Condanno ogni atto di violenza e prego il Signore perché nel Regno del Lesotho si ristabilisca la pace nella giustizia e nella fraternità”.

In relazione all’Iraq, il Santo Padre confida nel lavoro della Croce Rossa Italiana che ha inviato  un convoglio umanitario per assistere “decine di migliaia di sfollati iracheni”. “Esprimendo un sentito apprezzamento per questa opera generosa e concreta, – dichiara Francesco – impartisco la benedizione a tutti loro e a tutte le persone che cercano concretamente di aiutare i nostri fratelli perseguitati ed oppressi. Il Signore vi benedica”.

Antonio Curci

© Riproduzione Riservata
Antonio Curci

Antonio Curci

Direttore Responsabile

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: