Luca Ronconi: il teatro piange il suo Maestro

Luca-Ronconi-5844Il teatro italiano perde uno dei suoi più grandi innovatori. Nella serata di sabato 21 febbraio muore all’età di 81 anni al Policlinico di Milano Luca Ronconi. Nell’ultima settimana le sue condizioni di salute si erano aggravate a causa di un’infezione virale ed era stato necessario il ricovero in ospedale.

Attore e regista che ha rivoluzionato il teatro contemporaneo Luca Ronconi è stato una delle colonne della cultura italiana.

Fantasioso, istrionico, innovativo e sempre contro corrente aveva iniziato a lavorare come regista nel 1963 con la compagnia di Corrado Pani e Gian Maria Volontè, distinguendosi in seguito come un esponente dell’avanguardia teatrale e arrivando al successo nel 1969 portando in scena L’Orlando furioso di Ludovico Ariosto, nella versione di Edoardo Sanguineti, di cui ne diresse successivamente la versione cinematografica con Massimo Foschi e Mariangela Melato.

Ronconi divenne anche direttore di diversi teatri italiani come lo Stabile di Torino, il Teatro Stabile di Roma e il Piccolo di Milano. Nell’annunciare con dolore la morte del regista il teatro lo ha ricordato come “un artista che ha scritto la storia del teatro italiano e ha segnato la vita del Piccolo dal 1998, anno in cui ne è diventato figura di riferimento” (cioè dopo la morte di Giorgio Strehler).

Al Teatro alla Scala di Milano Ronconi ha realizzato 25 titoli d’opera dal 1974 al 2009 con tutti i musicisti più significativi, da Claudio Abbado, Riccardo Muti e Riccando Chailly a maestri come Pretre, Ozawa, Sinopoli, contribuendo in maniera determinante alla formazione dell’identità stessa del Teatro.

Anche il Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha espresso il suo cordoglio per la scomparsa di “un grande protagonista della vita culturale e civile del Paese, ingegno visionario che ha saputo scavare nell’animo umano e rappresentarlo in scena con forza, profondità, sguardo”.

I funerali di Luca Ronconi si svolgeranno il 24 febbraio in forma privata nella parrocchia di Civitella Benazzone, in provincia di Perugia.

Ilaria Sinopoli

© Riproduzione Riservata
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: