L’Innovazione Digitale: la cattedrale di San Donnino apre le porte alla Realtà Aumentata

Il Consiglio di Amministrazione della Chiesa Cattedrale di Fidenza ha presentato un innovativo progetto che unisce arte e tecnologia digitale, e vede la partecipazione di Humarker

app-cattedraleE’ stato presentato questa mattina presso il Palazzo Vescovile di Fidenza il “Progetto San Donnino: Cultural Heritage”, progetto di valorizzazione a fini turistico-culturali e religiosi del più importante monumento del territorio fidentino: la Cattedrale di San Donnino.

Il progetto – voluto dal Vescovo di Fidenza, dal Consiglio di Amministrazione della Chiesa Cattedrale di Fidenza in collaborazione con il Museo del Duomo e il Comune di Fidenza e realizzato da Humarker – nasce con l’obiettivo di utilizzare le nuove tecnologie digitali per rivoluzionare il concetto di turismo e consentire al grande pubblico una fruizione completamente nuova di un luogo simbolo del territorio fidentino.

Grazie alla realizzazione di un sito web di presentazione del patrimonio culturale della Chiesa che permette la gestione e l’organizzazione di tutti i contenuti digitali e delle informazioni utili per il visitatore, e grazie alla creazione di un’applicazione ad hoc, sia in versione Apple che per il mondo Android, il turista potrà interagire con gli oggetti d’arte e con le testimonianze storiche e archeologiche presenti, direttamente attraverso il proprio tablet o smartphone.

Gli strumenti utilizzati da Humarker come la realtà aumentata, la navigazione indoor e i beacon, permettono infatti di offrire un’esperienza personale, unica ed emozionante.
Per realtà aumentata si intende la particolare tecnologia che permette di arricchire la percezione sensoriale della realtà attraverso livelli aggiuntivi di informazioni multimediali in grado di attrarre e stupire il visitatore. Ad esempio, le funzioni di realtà aumentata applicate alla facciata della Cattedrale daranno vita ad un vero e proprio telegiornale ante-litteram: inquadrando con lo smartphone la facciata o parte di essa, nel monitor verranno evidenziati i diversi elementi di interesse culturale e con un semplice click si potrà accedere alle diverse funzioni collegate come file audio, video, testi e immagini.
Il concetto di realtà aumentata va poi affiancato a quello di geo-localizzazione e navigazione indoor. E’ qui che entrano in gioco i beacon: piccoli emettitori Bluetooth – con un raggio d’azione che va da pochi centimetri a 70 metri – capaci di inviare su smartphone e tablet notifiche e informazioni personalizzabili per ogni utente.
La tecnologia web combinata ad un utilizzo in mobilità, genera importanti ricadute su tutto il contesto culturale ed economico, garantendo inoltre la soddisfazione di eventuali partner e sponsor.
La realizzazione del progetto, che sarà completata a breve per esser pronta e fruibile già in occasione di Expo Milano 2015, prevede possibili successive integrazioni; per il prossimo futuro sarà possibile infatti implementare nuove funzioni sempre finalizzate alla valorizzazione del territorio, agli aspetti culturali ed artistici, ma anche all’ospitalità e alla ristorazione.

Chi è Humarker
Humarker srl è una start-up con sede operativa a Parma, che si occupa di tecnologie digitali innovative nel mondo della cultura e del turismo culturale. Realtà aumentata, olografia, navigazione indoor, beacon, sono gli strumenti più utilizzati nelle applicazioni sviluppate da Humarker per costruire un’esperienza personale unica ed emozionante per il visitatore/turista: la Cultura 3.0.

© Riproduzione Riservata
Antonio Curci

Antonio Curci

Direttore Responsabile

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: