La villa di Riina diventa una caserma dei Carabinieri

villa RiinaColpaccio dello Stato ai danni della Mafia. Un simbolo, la villa in cui fu catturato Totò Riina, è stata confiscata e trasformata in caserma dei Carabinieri. Ci sono voluti ben 22 anni, ma ciò che era considerato un bunker inaccessibile, oggi diventa simbolo di libertà e presidio di legalità. Alle 10.00 infatti il ministro dell’interno Angelino Alfano, in una solenne cerimonia, intitolerà la nuova caserma al maresciallo Mario Trapassi e all’appuntato Salvatore Bartolotta, medaglie d’oro al valore civile. I due militari, lo ricordiamo, furono barbaramente trucidati nell’attentato in cui perse la vita il giudice Rocco Chinnici.

La nuova caserma sorgerà nel rione Uditore, in via Bernini al numero civico 54, in quello che fu l’ultimo rifugio del Capo dei Capi, arrestato nel 1993 dal Capitano dei Carabinieri “Ultimo”.

La residenza che il boss aveva costruito con prati all’inglese e piscina, ora è stata riadattata alle esigenze dei militari dell’Arma.

Antonio Curci

© Riproduzione Riservata
Antonio Curci

Antonio Curci

Direttore Responsabile

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: