I “Dialoghi” di Medici senza Frontiere: “Il contrasto alle migrazioni aumenta la sofferenza delle persone”

MSB18290

I “Dialoghi” di Medici senza Frontiere, è un progetto per promuovere la discussione in merito ai grandi temi internazionali riguardanti le migrazioni.

Nel primo dei “Dialoghi”, che si terrà il 6 luglio a Roma, si rifletterà sull’azione umanitaria a favore dei migranti e dei rifugiati. Medici senza Frontiere ha dichiarato: “L’inasprimento delle misure di contrasto alle migrazioni, culminate nel recente accordo con la Turchia, oltre ad aumentare la sofferenza delle persone, sta mettendo in seria discussione il concetto di rifugiato e di protezione internazionale. La strumentalizzazione degli aiuti umanitari per mantenere il controllo dei flussi migratori e impedire alle persone di raggiungere l’Europa rappresenta un atto inaccettabile”.

Al primo “Dialogo”, moderato dallo scrittore e giornalista Gad Lerner, interverranno Antonio Donini, Università di Tufts e Stefano Argenziano, coordinatore Progetti Migrazione di Medici Senza Frontiere. In collaborazione con il settimanale Internazionale, i “Dialoghi” cercheranno di fare luce sulle conseguenze di questa logica di contrasto alle migrazioni e sulla sua legittimità.

Il pubblico avrà la possibilità di intervenire e discutere con gli ospiti.

 

© Riproduzione Riservata
Antonio Curci

Antonio Curci

Direttore Responsabile

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: