Emergenza Iraq e Siria: l’Unicef chiede aiuto!

iraqUna tregua che ha temporaneamente sospeso il lungo assedio di due mesi della città di Amerli in Iraq, l’Unicef ha consegnato 45 tonnellate di beni di prima necessità e forniture salva-vita a 3000 bambini che con le loro famiglie erano rimasti intrappolati sotto il fuoco incrociato di una guerra assurda.

In Iraq la situazione è davvero grave: una crisi umanitaria sta minacciando la vita migliaia di bambini. Molti non hanno accesso all’acqua, ai servizi igienici o a un riparo dal caldo torrido e dal vento. Ci sono bambini costretti a combattere negli scontri armati  e migliaia di essi sono profughi che si rifugiano nella vicina Siria.

Dal 2 agosto, l’UNICEF ha inviato 89 camion, con più di 60 tonnellate di aiuti umanitari, che comprendono: acqua potabile per 162.000 sfollati, cibo ad alto contenuto proteico per 92.000 persone, kit sanitari di emergenza per 100.000 persone.

MA SERVE ANCHE IL TUO AIUTO, ORA!

Per saperne di più clicca qui.

© Riproduzione Riservata
Antonio Curci

Antonio Curci

Direttore Responsabile

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: