«Ciò che conta non è quanto si vive, ma come si vive» (Martin Luther King)

Man With A Dream«Ciò che conta non è quanto si vive, ma come si vive».  Era il 10 dicembre del 1964 quando Martin Luther King riceveva a Oslo il premio Nobel per la pace. Sono trascorsi 51 anni da quella giornata che contribuì a cambiare il mondo. Il reverendo King all’epoca fu il più giovane uomo a ricevere l’onorificenza di uomo della pace  e disse: “Questo premio non va ad una singola persona, ma va a tutte le “nobili” persone che hanno lottato nel movimento per i diritti civili”. Com’è noto Martin Luther King fu ucciso il 4 aprile 1968 a Memphis.

Martire della Libertà, diremmo oggi. Un uomo che ha abbracciato un’idea e l’ha difesa fino alla morte. “Io ho un sogno – disse King – che un giorno sulle rosse colline della Georgia i figli di coloro che furono schiavi e i figli di coloro che possedettero schiavi potranno sedere insieme al tavolo della fratellanza”.

Quanto sembrano lontani quei tempi, soprattutto oggi in cui i giovani hanno rinunciato al sogno e non combattono più per i principi di equità, giustizia e libertà. La storia viene subita, al massimo tollerata, se non addirittura ignorata. La responsabilità civile e personale sembra essere un valore che appartiene più agli uomini del passato che a quelli del presente, troppo spesso ignavi e il più delle volte egocentrici. L’impegno comune per scardinare sistemi marci, incancreniti da loschi traffici e putridi favoritismi, non è più avvertito come una vitale priorità.

Il “come si vive” di Martin Luther King deve risuonare per tutti come una cocente provocazione che vada a pungolare le nostre coscienze, intorbidite dal falso benessere.  Lottare per una giusta causa risponde ad una delle domande di senso dell’uomo: “A cosa serve la mia vita?”.

Se non si possiedono risposte capaci di dissetare le nostre coscienze dall’arsura dell’individualismo, forse è giunto il tempo di rimboccarsi le maniche e iniziare a operare per la costruzione di una società più giusta.

Antonio Curci

© Riproduzione Riservata
Antonio Curci

Antonio Curci

Direttore Responsabile

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: