A Bari si prega per l’unità dei cristiani

P1090107Questa domenica 18 gennaio alle ore 18,00 nella Basilica Pontificia San Nicola in Bari si è celebrato l’incontro Diocesano di preghiera ecumenica sul tema “Gesù doveva attraversare la Samaria” (Gv 4,4). Hanno presieduto la preghiera S. E. Rev.ma, Mons. Francesco Cacucci, Arcivescovo di Bari-Bitonto, padre Serafim Parroco della Chiesa Ortodossa greca in Bari, il pastore Daniele Pispisa della Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorni di Bari, padre Zendgil Sisay Tefera parroco della Chiesa Ortodossa Etiopica in Bari, Dr. Helmut Schwalbe pastore della Chiesa Luterana e la sig.ra Santa Abiusi presidente della federazione delle Chiese Evangeliche in Bari.
È intervenuta ad animare la preghiera la Corale Ecumenica “Anna Sinigaglia”, diretta dal M.stro Mariella Gernone.
La Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani è un’iniziativa internazionale di preghiera ecumenica cristiana che si celebra ogni anno tra il 18 e il 25 gennaio.
Da sempre le diverse confessioni cristiane hanno pregato per l’unità, ma separatamente. In particolare verso la fine del settecento e nel corso dell’ottocento si svilupparono diverse iniziative di preghiera con questa intenzione, specialmente in area protestante e anglicana.
Il primo Ottavario, in forma simile all’attuale, nacque su iniziativa di due ministri in relazione epistolare tra loro: l’inglese Spencer Jones, anglicano, e l’americano Paul James Francis Wattson, episcopaliano (anglicano americano). Nell’anno 1907, il rev. Jones suggerì l’istituzione, per il 29 giugno di ogni anno, di una giornata di preghiera per il ritorno degli anglicani, e di tutti gli altri cristiani, all’unità con la Sede Romana. L’anno seguente Wattson ampliò l’idea, proponendola in forma di un’ottava allo scopo di domandare a Dio “il ritorno di tutte le altre pecore all’ovile di Pietro, l’unico pastore”. È precisamente a questo anno (1908) che viene fatta risalire convenzionalmente la nascita ufficiale dell’attuale settimana.
In ambito cattolico l’iniziativa fu esplicitamente approvata da diversi pontefici (Pio X, Benedetto XV) ma non come preghiera comune con gli altri cristiani.
Una profonda evoluzione dello spirito di questo ottavario è dovuta all’abate francese Paul-Irénée Couturier (1881-1953), che è considerato “il padre dell’ecumenismo spirituale”. A partire dal 1933 egli dedicò tutte le sue energie a rivitalizzare l’Ottavario, conferendogli uno spirito diverso da quello di padre Wattson. Inizialmente ne fece un triduo, per poi riportarlo nel 1934 alla durata e al periodo proposti da Wattson. Qualche anno più tardi il nome divenne “Settimana universale di preghiera per l’unità dei cristiani”.
A quei tempi in ambito cattolico lo spirito della preghiera era quello del ritorno dei fratelli separati nell’alveo della Chiesa di Roma. La principale innovazione di Couturier fu quella di orientarla invece alla richiesta di riconciliazione reciproca tra tutti i battezzati nella fede cristiana, per camminare verso l’unità “che Dio vorrà, con i mezzi che Egli vorrà”, nella convinzione che “non si prega per la conversione ad una chiesa, ma per una conversione a Cristo”.
Questo nuovo spirito consentì così ad altri cristiani con visioni diverse da quelle di Roma di unirsi alla preghiera e l’iniziativa fu accolta da più confessioni.
Durante questa settimana saranno celebrati i seguenti incontri ecumenici:
Lunedì 19 gennaio, ore 19,00. Chiesa Evangelica Valdese in Bari (Corso Vitt. Emanuele, 138), incontro di preghiera ecumenica sul tema “Gesù, affaticato, sedeva presso il pozzo” (Gv 4,6). Predica il sac. Don Jean Paul Lieggi, Docente di teologia presso la Facoltà Teologica Pugliese in Bari.
Martedì 20 gennaio, ore 19.00. Parrocchia Preziosissimo Sangue (in S. Rocco) di Bari (Via Sagarriga Visconti, 57). Incontro di preghiera ecumenica sul tema “Non ho marito” (Gv 4,17). Predica il Pastore Francesco Carri, della Chiesa Evangelica Valdese in Bari.
Mercoledì 21 gennaio, ore 19,00. Basilica Pontificia San Nicola in Bari. Celebrazione dei Vespri in rito ortodosso etiopico, presieduta da P. Zendgil Sisay Tefera, Parroco della Chiesa Ortodossa Etiopica in Bari. Intervento del Pastore Dr. Helmut Schwalbe, Parroco della Chiesa Evangelica Luterana in Bari, sul tema “La donna allora abbandonò lo sua brocca” (Gv 4,28)
Giovedì 22 gennaio, ore 19,00. Parrocchia S. Maria Assunta in Cassano Murge (Piazza Aldo Moro). Incontro di preghiera ecumenica sul tema “Tu non hai un secchia e ti pozzo è profondo” (Gv 4,11). Predica il Pastore Stefano Calà, della Chiesa Cristiana Avventista in Cassano Murge (Bari).
Venerdì 23 gennaio, ore 19,00. Chiesa Cristiana Avventista in Bari (Via Pema). Incontro di preghiera ecumenica sul tema “L’acqua che io darò diventerà una sorgente”. Predica il sac. Don Biagio Lavarra, Parroco della Chiesa S. Marco in Bari.
Sabato 24 gennaio, ore 20,00. Tavola rotonda ecumenica sul tema “Unità dei cristiani e diversità dei popoli”.
Domenica 25 gennaio, ore 19,00. Chiesa Evangelica Battista in Bari (Corso S. Sonnino, 23). Incontro di preghiera ecumenica sul tema “Molti credettero in Lui per la parola della donna”. Predica sac. Don Mimmo Parlavecchia c.p.p.s., Parroco della Chiesa Prez.mo Sangue in Bari.

Antonio Calisi

© Riproduzione Riservata
Antonio Calisi

Antonio Calisi

Direttore Editoriale

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: