Babbo Natale esite! E’ san Nicola

san nicolaGià nel Medioevo la figura del santo vescovo Nicola si presentava come motivo di felicità per i bambini ai cui venivano portati i regali. Tra la fine dell’XI secolo e la metà del XII molti scrittori, poeti e artisti diedero vita a leggende su san Nicola che richiama in vita tre bambini e si faceva spesso riferimento all’episodio della sua vita in cui Nicola, avendo saputo che un confinante di casa, diventato povero, voleva indurre alla prostituzione le figlie per guadagnare del denaro per le loro nozze, convinse Nicola a prendere un mucchio di monete d’oro avvolte in un sacchetto per gettarle di notte attraverso la finestra aperta di casa del vicino. L’inaspettata offerta consentì al padre disperato di maritare la prima figlia. Nicola replicò l’atto ed il padre fu in grado di dare in moglie l’altra figlia. La terza volta il padre sorprese il benefattore, che tuttavia gli fece giurare di non svelare la cosa a nessuno.
Sembra essere nato in Francia, agli inizi del XII secolo, l’uso di fare regali nel nome di san Nicola. Le monache iniziarono a lasciare segretamente regali nelle case di famiglie bisognose con bambini la vigilia di san Nicola. Fino al 1400 Nicola era da tutti celebrato come il santo della carità e dell’elemosina, il santo delle fanciulle da marito e dei bambini.
San Nicola è divenuto l’esempio di chiunque voglia fare del bene al prossimo senza aspettarsi nulla in cambio. Questo atteggiamento di perfetta spiritualità venne nondimeno a sovrapporsi con la figura di un uomo anziano che portava doni ai bambini. Questi due aspetti del Santo, quello sacro e quello profano, confluirono in una figura che comparve verso la metà del 1400, e che potremmo ritenere il primo vero Santa Claus. Abbiamo una lettera del 1480 che Peter Schott indirizzava al nunzio papale in cui testimonia che a Strasburgo dal 6 dicembre al 4 gennaio si aggirava un uomo vestito da san Nicola che raccoglieva beni e cose varie che in seguito donava in elemosina.
Sebbene il protestantesimo, soprattutto in Olanda, prese provvedimenti contro la devozione di san Nicola, i coloni olandesi vollero portare con sé in America, nella prima metà del XVII secolo, la venerazione a san Nicola e le loro tradizioni nicolaiane.
A questo punto Nicola era entrato irresistibilmente nel folklore statunitense. Nel 1821 veniva presentato un opuscolo dal titolo “L’Amico dei Bambini”. Si trattava della prima testimonianza letteraria in cui si parlava delle renne. Un elemento che ritornerà l’anno dopo nella più celebre poesia di Natale che sia stata mai scritta “La Visita di S. Nicola”, di Clement Clarke Moore. Nel Natale del 1822 Moore si trovava in famiglia e facendosi trasportare dall’aria della festa, scrisse un componimento in versi in cui non solo Nicola è visto su una slitta di renne, ma è descritto come un elfo. Questi elementi influenzeranno l’immagine di san Nicola fino ad oggi, ma Clement Moore continuava lo stesso a chiamarlo St. Nicholas, o affettuosamente St. Nick.
Nella prima metà del XIX secolo vennero alla luce differenti modi di raffigurare san Nicola. Molti, forse legati ai gruppi olandesi, lo rappresentavano con un abbigliamento più somigliante ai consueti vestiti del tempo, con un colbacco, altri si orientarono alla prima raffigurazione a colori di Santa Claus, creata nel 1837 da Robert Walter Weir. Col copricapo che gli scende sulle spalle e con abiti più vicini agli attuali. Se non fosse per il copricapo più somigliante ad un colbacco, il san Nicola del New York Mirror si avvicina di più alla figura fantasiosa.
Negli anni cinquanta prevalse l’aspetto di Santa Claus come elfo e nonostante avesse perso del tutto l’aspetto del vescovo, tutti i libri e i giornali continuavano a chiamarlo St. Nicholas, o talvolta Santa Claus. Gli statunitensi ormai si erano appassionati a san Nicola, ma erano continuamente alla ricerca di una sua rappresentazione.
Nel corso del decennio 1880-1890 nasce una nuova rappresentazione di Santa Claus con un vestito rosso abbastanza lungo, decorato da bordi bianchi e con il cappuccio rosso. A compiere questa nuova trasformazione fu Louis Prang (1823-1909), il promotore della cartolina statunitense e fu qui che ebbe luogo l’ultima metamorfosi di san Nicola o Santa Claus nel Babbo Natale americano, poi ripresentato in Europa, come un uomo paffutello, con gli occhi vivaci e con cappuccio rosso. All’artista Haddon Sundblom. la Coca Cola commissionò nel 1931 una serie di rappresentazioni di Santa Claus che potesse propagandare la popolare bibita. Queste rappresentazioni furono consegnate a quasi tutti i magazine e quotidiani del tempo, attraverso un’azione di mercato mondiale.

Antonio Calisi

© Riproduzione Riservata
Antonio Calisi

Antonio Calisi

Direttore Editoriale

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: