Attenti giornalisti: arriva Wordsmith Beta!

electionL’intelligenza artificiale non è più soltanto un problema di interpreti e traduttori: la compagnia Automated Insights, infatti, ha lanciato Wordsmith Beta, il software che autogenera articoli di ogni tipo.

Questa tecnologia non è nuova a testate giornalistiche come Associated Press e a Yahoo! che la utilizzano da tempo per autogenerare Report finanziari e articoli di sport, ma altri campi di applicazione del software possono essere i risultati delle elezioni, indagini sulle vendite e sul mondo del crimine, e tanto altro ancora.

Lavorare con Wordsmith è molto semplice: l’utente carica i dati strutturati sul sito che sviluppa un articolo completo. In un secondo momento si possono personalizzare i contenuti, decidendo lunghezza, tono e varietà dei termini, in modo da rendere unico il testo.

Per il momento si tratta solo di un test: la versione definitiva verrà lanciata a gennaio e sarà eliminata la procedura di richiesta d’accesso, rendendo il software alla portata di tutti.

Automated Insights sottolinea che il prodotto permette di comunicare e scrivere proprio come un essere umano farebbe e su scala impensabile per quest’ultimo. Di fatti Wordsmith permette di scrivere migliaia o addirittura milioni di articoli in modo semplice e veloce. Tuttavia, il mondo giornalistico non è dello stesso avviso: come nel caso della Machine Translation, il robot non potrà mai sostituire il cronista, l’essere umano dotato di creatività, sensibilità e flessibilità, e non potrà mai trascendere i suoi rigidi schemi, tempi e numeri.

Contatti:

http://automatedinsights.com/company/contact/

Giulia Cataneo

© Riproduzione Riservata
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: