Amore furto Tour 2016, De Gregori canta Dylan

(Fotografie di Dario Fazio)

Un concerto sui generis quello di ieri sera al Teatroteam. De Gregori ha cantato Bob Dylan. Amore  furto Tour 2016, questo è il nome del concerto del grande artista romano. Con Via della povertà De Gregori ha aperto la serata fra applausi edestasi collettiva. Dopo Acido seminterrato (traduzione di Subterrean homesick blues), De Gregori ha spiegato il senso di questo suo nuovo lavoro in giro per l’Italia: «Ho deciso di omaggiare Dylan, traducendolo personalmente, e per questo di tanto in tanto do una sbirciata ai testi dal leggio. Per le mie canzoni – continua – posso cambiare le parole durante i concerti e voi non ve ne accorgete neanche, ma per Bob Dylan non posso perché non vorrei che mi facesse causa».

Un susseguirsi di canzoni belle alle quali De Gregori dedica tutto l’impegno di poeta e artista per omaggiare un grande della canzone mondiale. C’è anche lo spazio per ricordare l’amico Lucio Dalla con Santa Lucia, pezzo molto amato dal cantautore scomparso e con Com’è profondo il mare. E poi tante canzoni tratte dal suo repertorio classico che regalano al numerosissimo pubblico una serata da incorniciare.

© Riproduzione Riservata
Antonio Curci

Antonio Curci

Direttore Responsabile

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: