10 febbraio “Giornata del Ricordo” ancora troppo dimenticata

Foiba_di_Vines_-_recupero_cadaveriSi commemora oggi la Giornata del Ricordo delle oltre diecimila vittime italiane buttate nelle cavità carsiche ai confini a est dell’Italia tra il 1943 e il 1945 su disposizione del tiranno jugoslavo Tito deciso a ‘slavizzare’ le zone che erano state da tempo italiane, come l’Istria e Fiume.
La presidente della Camera Laura Boldrini, presenziando in aula a palazzo Montecitorio ha dichiarato: “Un debito” verso le vittime italiane “di una violenza brutale” è quello che l’Italia ha nei confronti del dramma delle foibe e dell’esodo giuliano-dalmata e alla quale “dobbiamo assumerci la responsabilità di aver negato o teso a oscurare la verità”.
Boldrini ha denunciato che questa dimenticanza è dovuta “per calcoli diplomatici o convenienze internazionali”. Quel dramma, ha detto fra l’altro Boldrini, “è un monito per il passato e per il futuro: contro l’intolleranza, le dittature, le guerre e ogni tendenza a nascondere la verità”. Nel pomeriggio ha preso parte alla commemorazione anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella: durante la rievocazione, che si è svolta nella sala della Regina della Camera dei deputati, Mattarella ha assegnato i premi alle scuole vincitrici del concorso nazionale ‘La Grande Guerra e le terre irredente dell’Adriatico orientale nella memoria degli italiani’, promosso dal Miur.
Tuttavia dobbiamo lamentare che su moltissimi libri di scuola questa pagina della storia è totalmente dimenticata!

Antonio Calisi

© Riproduzione Riservata
Antonio Calisi

Antonio Calisi

Direttore Editoriale

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: