Bookmaker artbetting.co.uk - Bet365 review by ArtBetting.co.uk

Bookmaker artbetting.gr - Bet365 review by ArtBetting.gr

Germany bookmaker bet365 review by ArtBetting.de

Premium bigtheme.net by bigtheme.org

Vittorio Polito giornalista e scrittore innamorato di Bari

Antonio Calisi 22 Marzo 2019 Commenti disabilitati su Vittorio Polito giornalista e scrittore innamorato di Bari
Vittorio Polito giornalista e scrittore innamorato di Bari

In un tempo in cui assistiamo alla poca stima dimostrata nei confronti dei nostri vernacoli, ci sono sostenitori che permettono alla nostra lingua materna, i dialetti, di resistere e di rinnovarsi.

Tra questi c’è Vittorio Polito, classe 1935, propugnatore tenace il cui obiettivo principale è quello di ricordarci che il dialetto è uno strumento linguistico dotato di fondamentali significati storici e morali che ci permettono di comprendere il nostro modo di essere. Le sue numerose opere lo attestano come ad esempio il volume Baresità e maresità, Baresità, curiosità e…, Pregàme a la barese, San Nicola, il dialetto barese e…, San Biagio protettore della gola. Per non parlare, poi delle sue numerose e splendide poesie quali Bare mì, Baresità, A l’alda vànne du ciùcce, U tréne de la vite, U giornalìste de iósce, Filastrocca e Nonònne.

Nei suoi scritti Vittorio Polito si esprime con ricchezza di particolari e mostra una grande conoscenza riguardo al nostro santo patrono Nicola, alla Basilica e alla Cattedrale; argomenta sull’isolotto “Monte Rosso”, sulla tramvia Bari–Barletta, sui raduni politici in dialetto, sulla banda dei ‘fichi secchi’, e tante altre curiosità arricchite da poesie in vernacolo.

La sua produzione letteraria è un lodevole lavoro che ha richiesto una diligente documentazione in cui nelle pagine, ricche di tradizioni, rivivono consuetudini e caratteristiche proprie del popolo di Bari, espressioni proverbiali, personaggi, episodi, tradizioni, nomignoli e passatempi legati a luoghi reali come mercati e piazze, punti di svago specie vicini al mare.

Con lo stile di chi si sente erede riconoscente, racconta Bari, una città da scoprire e raccontare in tutti i suoi punti di vista.

A seguire una sua poesia del 6 ottobre 2008 dal titolo Bare mì

Tu sì come nu beghenòtte

ca berefatte e saperìte

ijnda ijnde, sope e sotte

me dà priesce e predìte!

Tu sì dolge, sì na mamme

ca che cudd’affètte ndelecàte

m’appicce u còre che na fiamme

ca m’allasse mbriacàte!

Tu sì nu fiore de checòzze

ca vèrde vèrde, prefemàte,

nzim’o rise, patàne e còzze

fasce nu piatte prellebàte!

Tu sì granne com’o prisce

ca m’ auuande acquanne jè sère

e me porte Mbaravise

abbrazzate che la megghière!

Assà paijse sò canesciùte

viaggiànne dò e dà, a zeffunne

all’alde vanne stogghe sperdùte:

tu sì la megghia città du munne!

Antonio Calisi

Comments are closed.