“Verranno i giorni della pace”. Venerdì 27 gennaio la presentazione

Il primo romanzo sul bombardamento di Bari del 2 dicembre 1943, un’avvincente storia d’amore ai tempi della guerra.

Venerdì 27 gennaio alle ore 19,00, presso lAuditorium Parrocchia San Sabino a Bari (vicinanze Pane e Pomodoro) verrà presentato il romanzo Verranno i giorni della pace di Amalia Mancini
(ed. Gelsorosso). Dopo i saluti del parroco don Angelo Cassano, l’incontro sarà introdotto da
Maria Cristina Rosania, presidente Ass.”Giuseppe Moscati” Onlus. Interverranno
l’autrice Amalia Mancini e il dirigente scolastico Rosina Basso Lobello.

Il Libro
La storia narra le vicende di due giovani, Maria e Tonino, i cui destini si incrociano a causa della guerra che fa da sfondo e da protagonista in tutto il romanzo. L’autrice ricostruisce gli avvenimenti di quel periodo, con il punto di vista dei tanti personaggi che li vivono, fornendo anche un interessante focus sul disastro procurato dalle conseguenze del bombardamento del 1943 e dall’intossicazione da iprite. Tra realtà e finzione l’autrice consente al lettore di entrare nel solco di quel difficile periodo.
Il vissuto della gente comune in uno dei periodi cruciali della storia di Bari tra guerra e dopoguerra è al centro di questa incisiva narrazione in forma di romanzo di Amalia Mancini.
L’autrice, con una significativa operazione di recupero della memoria, pone al centro della riflessione le drammatiche condizioni di vita e di lavoro di due giovani, una sarta e un marinaio, vissuti all’insegna della paura e delle privazioni negli anni della dittatura e di un’avventura bellica disastrosa. I diversi aspetti delle traversie familiari, della violenza e della disperazione vengono compensati dall’amore e dalla solidarietà nel contesto molto difficile di una città che vive i momenti più duri e sconvolgenti della guerra, soprattutto dopo il tragico bombardamento, messo in atto dai tedeschi il 2 dicembre 1943.
[…] L’autrice ha il merito di offrire in un’efficace visione d’insieme i molteplici aspetti di una città in guerra offrendoci con una fine indagine psicologica la reazione dei diversi soggetti sociali alle devastazioni in atto. Si realizza con questo bel libro il diffuso desiderio di riportare alla luce, rompendo l’isolamento e l’emarginazione, un tassello della memoria fondamentale per comprendere importanti eventi storico-sociali di Bari e della Puglia del secolo scorso.

dalla postfazione di Vito Antonio Leuzzi

L’autrice:
Amalia Mancini, nata a Foggia, si trasferisce a Bari subito dopo la nascita. Si laurea con lode in Filosofia con una tesi in Storia contemporanea, successivamente entra nel mondo della scuola, insegnando e occupandosi attivamente di progetti lettura.
Nel 1990 pubblica un libro di testo: Grammatica italiana.
Innamorata della poesia, vi si è spesso cimentata, risultando vincitrice con i suoi versi in numerosi concorsi letterari. Lettrice instancabile, è da anni creatrice, animatrice e coordinatrice di gruppi di lettura: a Bari con LeggerMente (ADIRT) e con il Building Apulia; a Mola di Bari con Un treno di libri; a Polignano a Mare con Libri nel foyer. Si dedica da tempo alla stesura di brevi racconti, recensioni e presentazioni di autori presso associazioni culturali e librerie.
Verranno i giorni della pace è il suo primo romanzo che nasce dal bisogno di non dimenticare, di dare voce a tutti quelli che hanno patito la guerra, che la Storia non considera eroi, ma uomini che hanno lottato solo per ritornare a vedere i giorni della pace.

© Riproduzione Riservata
Antonio Curci

Antonio Curci

Direttore Responsabile

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: