Una Winter School in mediazione e dinamiche di relazione nella società complessa

 

Aperte fino al 23 gennaio le iscrizioni alla Winter School dell’Università degli Studi dell’Insubria

Il Centro di Ricerca Religioni, Diritti, Economie nello Spazio Mediterraneo (REDESM) e il Centro Studi sulla Giustizia Riparativa e la Mediazione (CeSGReM) del Dipartimento di Diritto, Economia e Culture dell’Università degli Studi dell’Insubria – sede di Como organizzano la Winter School in “Mediazione e dinamiche di relazione nella società complessa”, che si terrà dal 6 al 10 febbraio presso il Chiostro di S. Abbondio a Como.

La Winter School si articolerà attorno a cinque temi principali: la mediazione secondo il modello umanistico, come occasione di trasformazione; la mediazione in ambito familiare, con un focus sulla ricerca della conciliazione delle parti in conflitto, attivando le loro risorse relazionali e psicologiche positive per salvaguardare il benessere relazionale delle parti coinvolte; la mediazione civile, per risolvere le controversie, e la mediazione in ambito sanitario, tra medico e paziente; la mediazione penale e reati di terrorismo, con testimonianze di un percorso di Giustizia Riparativa; e, infine, mediazione e radicalizzazione, con interventi dedicati all’islamismo radicale e alla radicalizzazione jihadista.

Gli approfondimenti teorici saranno inoltre integrati da laboratori applicativi e dalla presentazione di situazioni esperienziali.

Interverranno Grazia Mannozzi, Docente di Diritto penale e Direttore del Centro Studi sulla Giustizia Riparativa e la Mediazione CeSGReM dell’Università degli Studi dell’Insubria; Giovanni Angelo Lodigiani, Docente di Giustizia riparativa e mediazione penale presso l’Università degli Studi dell’Insubria; Claudio Fontana, Mediatore Penale; Cesare Bulgheroni, Avvocato, Mediatore e Docente di Mediazione familiare presso l’Università degli Studi dell’Insubria; Alessandro Motto, Docente di Diritto Processuale Civile presso l’Università degli Studi dell’Insubria; Rossana Novati, Avvocato e Mediatore, Gruppo Humanitas; Chiara Perini, Docente di diritto penale presso l’Università degli Studi dell’Insubria; Francesca Ruggieri, Docente di Diritto processuale penale presso l’Università degli Studi dell’Insubria; Adolfo Ceretti, Docente di Criminologia presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca; Stefano Marcolini, Docente di diritto processuale penale presso l’Università degli Studi dell’Insubria e Khalid Rhazzali, Docente di Sociologia della Religione e della Politica all’Università di Padova e Ricercatore e coordinatore presso l’Agence Nationale de la Recherche di Parigi.

Le iscrizioni sono aperte fino al 23 gennaio. La quota di partecipazione è di 200 euro per l’intera settimana e 60 euro per la singola giornata di studio. Per gli studenti universitari (intera settimana) la quota è di 60 euro per gli Studenti dell’Università dell’Insubria e 100 euro per gli studenti delle altre Università.

 

 

Per informazioni e iscrizioni

alessandra.gaetani@uninsubria.it

© Riproduzione Riservata
Antonio Curci

Antonio Curci

Direttore Responsabile

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: