Mons. Domenico Pompili incontra Bari

“Rinnovare il progresso per umanizzare il mondo e la storia”

L’appuntamento all’Istituto Preziosissimo Sangue il 16 maggio

In occasione del settimo anniversario della Laudato Si’ di Papa Francesco, l’Istituto Preziosissimo Sangue di Bari ritiene importante continuare a concretizzare il messaggio dell’Enciclica con la quale il Pontefice ha invitato l’umanità a prendersi cura della propria “casa comune”.

Presso l’istituto infatti il prossimo 16 maggio alle 18.30, si svolgerà un incontro, aperto a tutta la cittadinanza barese, dal titolo “Rinnovare il progresso per umanizzare il mondo e la storia”.

La riflessione sul tema sarà affidata all’intervento di Mons. Domenico Pompili, Vescovo di Rieti e presidente della Commissione Episcopale per la cultura e le comunicazioni sociali. Il suo contributo getterà uno sguardo realistico e fondato sull’atteggiamento da assumere, come comunità ma anche in quanto singoli, a favore di un nuovo modo di intendere l’economia, la politica e gli stili di vita nella prospettiva di una ecologia integrale. L’esigenza urgente di un cambiamento ha bisogno “di un cammino educativo per far maturare una nuova solidarietà universale e una società più accogliente”, sottolineava il Pontefice lo scorso settembre 2019 promuovendo l’iniziativa di un Patto Educativo Globale. Rinnovare infatti la passione per un’educazione più aperta e inclusiva è imprescindibile passo per rispondere in modo fermo alla dimensione globale della crisi in atto. Il bene comune e il futuro del pianeta sono oggi costantemente sotto i riflettori della politica, dell’opinione pubblica, della società tutta. Un “patto sociale” e un programma di conversione sul quale basare uno sviluppo sostenibile non possono più essere rimandati. E ciascuno, secondo le proprie capacità, è chiamato a farsene carico e soggetto responsabile attraverso nuovi modelli di agire concreto che ascoltano il grido straziante dei poveri e della terra.

A suggellare l’incontro con Mons. Pompili, moderato dalla docente prof.ssa Liana Campanelli asc, sarà l’intervento della preside dell’IPS Bari, prof.ssa Francesca Palamà asc, che fisserà i punti fermi di Sintesi e Prospettive del Patto Educativo Globale, gettando semi di speranza sul cammino che interpella uomini, donne, istituzioni, famiglie, cittadini attivi.

In questo tempo, senza ritorno, Papa Francesco indica esplicitamente l’urgenza di “trovare la convergenza globale per un’educazione che sappia farsi portatrice di un’alleanza tra tutte le componenti della persona: tra lo studio e la vita; tra le generazioni; tra i docenti, gli studenti, le famiglie e la società civile con le sue espressioni intellettuali, scientifiche, artistiche, sportive, politiche, imprenditoriali e solidali. Un’alleanza tra gli abitanti della Terra e la “casa comune”, alla quale dobbiamo cura e rispetto. Un’alleanza generatrice di pace, giustizia e accoglienza tra tutti i popoli della famiglia umana nonché di dialogo tra le religioni.”

Sempre attento ai temi caldi della società e della sfera educativa, l’Istituto Preziosissimo Sangue, per l’occasione apre dunque le porte all’intero territorio nel quale storicamente opera, invitando all’incontro quanti desiderano rendersi protagonisti del cambiamento di rotta che il mondo attende dall’umanità.

© Riproduzione Riservata
Antonio Calisi

Antonio Calisi

Direttore Editoriale

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: