I metaumani della “Suicide squad”

suicidesquadmovie1

“Suicide squad” è un film del 2016 scritto e diretto da David Ayer e basato sull’omonimo gruppo di supercattivi dei fumetti DC Comics. E’ stato distribuito il 5 agosto 2016 negli Stati Uniti e il 13 agosto 2016 in Italia e ha stabilito diversi record al botteghino, incassando oltre 380 milioni di dollari nel primo weekend di programmazione.

Il film si avvia in un clima quasi onirico, dato dall’incrocio tra il gusto fantasy e quello thriller : dopo la morte di Superman, l’esigenza di difendere l’umanità da una potente minaccia spinge l’agente governativo degli USA Amanda Waller a strumentalizzare il male per realizzare il bene comune, in una prospettiva in cui il fine giustifica i mezzi; l’agente assembla infatti la Task Force X, una squadra composta da pericolosi criminali in stato di detenzione, definiti come “metaumani” per le loro caratteristiche che sono eccedenti rispetto alla dimensione dell’umano e che li pongono in un limbo tra uomini e creature soprannaturali.

I membri di questa squadra vengono posti sotto il comando del colonnello Rick Flag per far sì che portino a compimento la missione senza scappare o utilizzare le proprie doti sovrumane non per gli scopi richiesti; in più, ad ognuno di loro viene impiantata una piccola bomba nel collo, pronta ad esplodere nel caso uno di loro provi a scappare o a ribellarsi.

I metaumani di questa squadra suicida sono: Harley Quinn (Margot Robbie) che è un’ex psichiatra innamorata del folle e crudele Joker (Jared Leto) e da allora divenuta vittima di quel male, la pazzia, che invece prima era lei stessa a curare; il cecchino assassino Deadshot (Will Smith) che è scisso in una duplice vita: da un lato vive per uccidere, dall’altro per far vivere la figlia piccola al meglio. Egli infatti accetta di far parte della squadra solo a patto che alla figlia siano assicurati i migliori college.

Un altro componente è l’ex-gangster  El Diablo (Jay Hernandez) che ha il potere di produrre un’enorme quantità di fuoco e sterminare così infinità di persone: egli ha vissuto il paradosso di divenire schiavo dei suoi stessi poteri, infatti la sua capacità straordinaria sembra sovrastarlo così tanto da strumentalizzarlo completamente, portandolo addirittura ad uccidere sua moglie e i suoi figli. Questo tragico evento aiuta l’omicida a ristabilire la giusta gerarchia tra mezzi e fini, in altri termini la sua capacità di produrre fuoco tornerà ad essere uno strumento da lui dominabile e non più l’unica sua ragione di vita a cui egli era del tutto asservito.

Altri membri della squadra sono il ladro Capitan Boomerang (Jai Courtney), così chiamato per il suo utilizzo di boomerang come armi; il mostruoso cannibale Killer Croc (Adewale Akinnuoye-Agbaje) che soffre di una rara malattia che rende la sua pelle simile a quella di un rettile e il mercenario Slipknot (Adam Beach) specializzato nell’arrampicata con la corda e nella tattica della lotta.

Una delle altre possibili reclute indicate dall’agente Waller è la fidanzata di Rick Flag, l’archeologa June Moon (Cara Delevingne) che è posseduta da un’antica entità malvagia nota come “Incantatrice” : questa divinità si è impadronita del corpo di June  mentre quest’ultima era intenta in scavi archeologici.

Il punto di svolta nel film è rappresentato dalla ribellione dell’Incantatrice che decide di acquisire il dominio del mondo e sterminare l’umanità per vendicarsi della sua prigionia; prende quindi d’assalto Midway City con una serie di mostri ed evoca suo fratello per farsi aiutare: gli chiede di costruire una macchina per distruggere gli umani, che sarebbero così colpiti da una sorta di pena del contrappasso per aver sostituito l’adorazione delle divinità con quella delle macchine.

La squadra suicida è quindi l’elemento ibrido in questo conflitto: non solo né umana né divina, ma anche in rottura sia con gli uomini perché l’hanno maltrattata e sottomessa sia con queste divinità che puntano a soggiogarla e a possedere il mondo.

Il nuovo assetto del mondo danzerà sulle note del capolavoro dei Queen “Bohemian Rhapsody” che chiude il film aprendo un barlume di disperata speranza per un’umanità tanto pigra quanto cieca, incapace sia di volontà di incamminarsi per una qualche strada, sia di conoscenza di quale via da intraprendere sia il male minore.

 

Silvia Di Conno

© Riproduzione Riservata
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: