Bari, la mensa per i poveri di Santa Chiara e il gruppo “San Giovanni Bosco”

san giovanni bosco(1)Accogliendo i numerosi inviti di Papa Francesco, e in particolare l’ultimo tweet del 2 dicembre in cui esplicitamente invitava la Chiesa a farsi vicina ai poveri e ai sofferenti, il gruppo “San Giovanni Bosco”, insieme alla Caritas valenzanese, si è occupato, il 14 dicembre, del pranzo di 54 bisognosi, del servizio ai tavoli e della seguente pulizia della mensa, adiacente alla Chiesa di Santa Chiara in Bari.

Questa struttura modernissima, di circa 180 metri quadri, inaugurata il 21 ottobre 2013 dall’Arcivescovo mons. Cacucci, dal responsabile mons. Franco Lanzolla e dalle Autorità, perpetua il servizio che per tanti anni era stato offerto nei locali contigui alla Chiesa di San Giacomo, non più sufficienti a far fronte alla crescente domanda. Inoltre, la nuova mensa garantisce dal giovedì alla domenica non solo una mera distribuzione di pasti caldi, ma si presenta anche come uno spazio accogliente dove 130 bisognosi possono sentirsi confortati e ascoltati come in famiglia, come a casa. In aggiunta, a livello organizzativo, dal giovedì al sabato la mensa è allestita dalla Cattedrale, mentre il pranzo della domenica è affidato, secondo rotazione, alle parrocchie del viciniore. Chiaramente il servizio è garantito anche il 25 e il 26 dicembre: Natale è infatti per antonomasia il periodo della solidarietà, in cui si fa esperienza in modo più partecipato della vera carità, della fraternità e dell’umanità fragile e bisognosa. In proposito, anche privati cittadini e singole famiglie possono collaborare con la mensa nei tempi e nei moduli organizzativi che si stabiliscono di volta in volta, facendo riferimento al responsabile mons. Franco Lanzolla (tel: 3288747573, e-mail: franco.lanzolla@gmail.com).

E il gruppo “San Giovanni Bosco”, formato da giovani volenterosi di età compresa tra i 18 e i 20 anni, è stato entusiasta per il servizio svolto. Lo stesso, inoltre, si è sempre prodigato per i più indigenti, a livello territoriale e non solo: oltre ad offerte in viveri per i più vicini e attività connesse, ha anche inaugurato un salvadanaio destinato ai bambini e alla scuola di Munkamba nella Repubblica Democratica del Congo, dove gli Apostoli di Gesù Crocifisso della loro parrocchia (la chiesa matrice di San Rocco in Valenzano) gestiscono una missione umanitaria. A conferma di ciò, domenica 21 dicembre nei pressi della Chiesa che li ha sempre valorizzati e accolti, i ragazzi saranno impegnati nella vendita di presepi di cioccolato fondente e al latte, che sarà possibile anche prenotare in anticipo e il cui ricavato sarà devoluto in beneficenza e, in parte, raccolto per l’autofinanziamento di pellegrinaggi.

Giulia Cataneo

© Riproduzione Riservata
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: