LA TECNOLOGIA FLOSS: una marcia in più etica e gratuita per i traduttori

traduzione-temi-wordpressAumentare la produttività della traduzione è una delle sfide quotidiane dei traduttori freelance, travolti dalla globalizzazione indotta dalla rete e dall’enorme crescita di tale mercato.  Ne consegue la necessità di sfruttare tutte le possibilità offerte dalla tecnologia, tutte le applicazioni per la preparazione e la verifica della traduzione a livello lessicale e di segmento.

Ma le applicazioni software e i formati standardizzati proprietari non sono l’unica soluzione: la tecnologia FLOSS (free and libre open source software) è sempre più gettonata per la sua gratuità ma soprattutto per l’enorme flessibilità d’uso.

Il software libero permette infatti di studiare come funziona il programma e consente di adattarlo facilmente alle proprie necessità, migliorandolo e condividendo poi le modifiche apportate affinché tutta la comunità ne tragga beneficio. Inoltre, non ci sono vincoli al numero di installazioni e alla ridistribuzione dello stesso. Sono adottati anche formati standard per agevolare lo scambio di informazioni e del codice sorgente, cosa che favorisce una più semplice localizzazione del software e un più rapido incorporamento di varie lingue.

Oggi questo tipo di tecnologia è in grado di offrire al traduttore tutta l’infrastruttura digitale occorrente: OmegaT, ad esempio, presenta tutte le funzioni basilari per le memorie di traduzione, per il supporto dei vari formati e per la gestione della terminologia.

Tuttavia, questo programma raggiunge le sue piene potenzialità se affiancato da altri software liberi, per cui, è richiesto un maggior sforzo all’utente che deve conoscere e installare varie applicazioni.

Non si può certamente negare, però, la grande conquista del software libero: la riduzione del digital divide, del divario tra chi ha accesso alle tecnologie e chi ne è escluso. Infatti, scegliere programmi come OmegaT significa fare una scelta etica, significa allinearsi ai principi della comunità scientifica del libero scambio di informazioni e della condivisione delle idee.

Giulia Cataneo

© Riproduzione Riservata
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: