Bookmaker artbetting.co.uk - Bet365 review by ArtBetting.co.uk

Bookmaker artbetting.gr - Bet365 review by ArtBetting.gr

Germany bookmaker bet365 review by ArtBetting.de

Premium bigtheme.net by bigtheme.org

“La Corrispondenza” di Giuseppe Tornatore

Silvia Di Conno 10 aprile 2017 Commenti disabilitati su “La Corrispondenza” di Giuseppe Tornatore
“La Corrispondenza” di Giuseppe Tornatore

Il film “la corrispondenza“, diretto dal grande regista italiano Giuseppe Tornatore, è uscito nelle sale italiane il 14 gennaio 2016. La protagonista è Amy Ryan (Olga Kurylenko), una giovane studentessa universitaria di astrofisica che nel tempo libero si diletta a fare la stuntwoman, cioè fa da controfigura ad attrici per le scene più pericolose: sfiorare ogni volta il limite della vita è per lei una sorta di catarsi dall’antico senso di colpa dovuto alla morte del padre, avvenuta anni prima mentre lei era alla guida dell’automobile.
La storia è incentrata sulla relazione di questa ragazza con il  professore universitario Edward Phoerum (Jeremy Irons): il loro legame, pur essendo fortissimo, è però fondamentalmente basato su un tipo di comunicazione virtuale fatta di videochiamate su Skype e di messaggi sul cellulare, visto che i due vivono distanti. Si incontrano a cadenze regolari di mesi soprattutto a Borgo Ventoso dove lui ha una seconda casa o in occasione di conferenze.
La routine, però, prende di colpo un’altra piega nel momento in cui lei partecipa ad un convegno di astrofisica presso la sua università al quale Edward- come le aveva preannunciato-non avrebbe potuto recarsi: nel corso di questa conferenza Amy viene a conoscenza della morte di lui in seguito ad una lunga malattia di cui non le aveva mai parlato. La ragazza si sente di impazzire non solo per lo shock in sè, ma anche perchè continua a ricevere messaggi dal cellulare di Edward.
Più il tempo passa meno le cose si chiarificano: Amy continua a ricevere perennemente messaggi dal telefono di lui e pacchi postali da lui spediti contenenti lettere, regali e cd rom sui quali sono registrati video in cui lui le parla. La ragazza vive così, sospesa tra vita e morte, sogno e realtà, portando avanti una relazione non con una persona, ma con le sue insistenti tracce. Si reca a Edimburgo dove lui viveva e a Borgo Ventoso: più cerca chiarezza più il senso di questa assurda situazione le sfugge.
E’ la comunicazione con l’avvocato di lui che comincia a farle intuire qualcosa: a tre mesi dalla sua morte egli aveva architettato tutto un sistema per mantenersi vivo con lei dopo il suo decesso, facendo sì che regolarmente le fossero mandate mail dal suo indirizzo, messaggi dal suo numero e che le fossero recapitati determinati pacchi in dati giorni. Aveva dunque scritto lettere, mail, messaggi e registrato innumerevoli video durante quel poco tempo che gli restava, rubando alla sua malattia le possibilità di comunicazione che non gli sarebbero state concesse in futuro, dato lo scadere del suo tempo.
In uno dei video che le invia Edward afferma che ognuno di noi perde l’immortalità nel corso della sua vita per una ragione: egli si è reso conto che questa è stata per lui il non aver avuto la possibilità di conoscere Amy prima. Ad ogni modo, pur consapevole che sia ormai troppo tardi, egli con un’energia da titano lotta con tutte le sue restanti forze contro la tirannìa del tempo per consumare tutte le possibili parole che avrebbe voluto dirle.
Nella sua romantica aspirazione egli punta infatti ad essere immortale agli occhi di lei, ad essere uno “stregone” – come lei scherzosamente lo definiva- fino in fondo: è per questo che decide di rendersi a lei visibile anche dopo la sua morte tramite il suo tanto geniale quanto assurdo piano dicorrispondenza“, esattamente come le stelle che, “pur avendo esaurito il loro ciclo vitale, continuano a brillare”.
Silvia Di Conno

Comments are closed.