Bookmaker artbetting.co.uk - Bet365 review by ArtBetting.co.uk

Bookmaker artbetting.gr - Bet365 review by ArtBetting.gr

Germany bookmaker bet365 review by ArtBetting.de

Premium bigtheme.net by bigtheme.org

“Incontrocanto”: quattro cori a Santa Maria dei Servi

Martina Ragone 27 marzo 2018 Commenti disabilitati su “Incontrocanto”: quattro cori a Santa Maria dei Servi
“Incontrocanto”: quattro cori a Santa Maria dei Servi

Sabato 24 Marzo, alle ore 21.00, presso la Basilica di San Clemente in Santa Maria dei Servi a Siena, si è svolto il concerto “O sacrum convivium”, dedicato a Umberto Massarizzi, corista del Coro della Cattedrale di Siena Guido Chigi Saracini, recentemente scomparso. L’idea di questo evento parte dal progetto “Incontrocanto” che prevede concerti di musica sacra e liturgica, realizzati nell’ambito della stagione musicale “Laudetur 2018” dai cori dell’Arcidiocesi di Siena Colle di Val d’Elsa Montalcino.
La serata ha visto la partecipazione di quattro cori: tre amatoriali e uno professionista.
Il primo coro amatoriale è la Corale S. Bartolomeo che nasce a Colle Val d’Elsa (Si). È un coro polifonico a quattro voci diretto dal settembre 2013 da Antonella Scivoletto, in precedenza organista per un paio di anni. Ha partecipato a varie manifestazioni canore, tra cui nel 2008 e nel 2015 al Festival della canzone religiosa di Vico Alto (Si) e nel 2008 al Concorso Nazionale “Madonna del Ponte” di Lanciano (Ch).
Il coro della Cappella Universitaria fa parte dell’omonima chiesa fondata nel 1992 per volontà dell’allora vescovo Mons. Gaetano Bonicelli. Dal 2006 il coro, diretto da Marta Marini, canta a quattro voci nella messa che viene celebrata ogni domenica alle ore 19:15 nella chiesa di S. Vigilio. È composto da studenti universitari e da ex studenti ormai inseriti nel mondo del lavoro, che si riuniscono ogni settimana con impegno, devozione e spirito di comunità, per ampliare ed approfondire il proprio repertorio.
La Corale di San Marziale nasce nell’autunno 1985 nella parrocchia omonima e tra gli eventi importanti a cui ha partecipato vi è la S. Messa celebrata da papa Giovanni Paolo II presso l’azienda “Calp” di Colle di Val d’Elsa, in occasione della sua visita a Siena. Il gruppo è diretto da Marta Marini.
Il coro della Cattedrale Guido Chigi Saracini, composto da circa 60 cantori italiani e stranieri, è nato nel dicembre 2016, dalla collaborazione tra l’Opera della Metropolitana di Siena e l’Accademia Musicale Chigiana. È un coro professionista e specializzato, al servizio delle principali celebrazioni liturgiche nella Cattedrale e impegnato nello svolgimento di concerti ed eventi musicali di alto livello culturale. I cantori, grazie alla loro esperienza musicale, sono disposti anche ad imparare brani in poco tempo e ad adattarsi ai diversi contesti liturgici per cui vengono convocati.
Durante il pomeriggio, dalle 18 alle 20, si è svolto un laboratorio musicale che ha visto la cooperazione dei quattro cori riuniti insieme, coadiuvati dal direttore del Coro della Cattedrale di Siena Guido Chigi Saracini, Lorenzo Donati. È stata una bella sfida organizzare in così poco tempo voci tanto diverse e dalle esperienze musicali e di vita più disparate. Tra studenti, lavoratori e cantori di professione sono stati preparati due brani che hanno aperto e concluso il concerto, rispettivamente “O sacrum convivium” di Luigi Molfino e “Ubi caritas” di Duruflé. Quest’ultimo di solito è una sequenza che si canta in occasione del giovedì santo, brano non scelto a caso, dal momento che è appena iniziata la Settimana Santa.
Dopo il brano iniziale, la Corale San Bartolomeo di Colle di Val d’Elsa diretta da Antonella Scivoletto ha cantato l’”Ave verum corpus” di Wolfgang Amadeus Mozart e “Chi ci separerà” di Marco Frisina.
Il Coro della Cattedrale di Siena Guido Chigi Saracini, diretto da Lorenzo Donati si è esibito in una sequenza di tre “O sacrum convivium” di tre autori diversi: Thomas Tallis, Domenico Bartolucci e Olivier Messiaen.
Poi il Coro della Cappella Universitaria di Siena, insieme alla Corale di San Marziale, diretti da Marta Marini, hanno cantato “Stabat mater” di Zoltàn Kodàly e “Cristo risusciti” con l’arrangiamento di Marta Marini. E infine il Coro della Cappella Universitaria ha cantato da solo l’“Ave Maria” di Tomas Luis de Victoria.
Successivamente il Coro della Cattedrale di Siena Guido Chigi Saracini si è esibito in una sequenza di tre “Ubi caritas” – preannuncio del canto finale – di tre autori diversi: Vitautas Miskinis, Ola Gjeilo e Morten Lauridsen.
Infine i cori riuniti hanno cantato “Ubi caritas” di Duruflé, conferendo grande solennità alla chiusura del concerto che ha suscitato il plauso del pubblico partecipe ed entusiasta.
Un esperimento ben riuscito che ha visto la commistione di voci ed esperienze diverse, ma unite da un’unica passione: quella della musica e della lode al Signore.
Martina Ragone

Comments are closed.