Entro l’anno arriva la pubblica illuminazione in alcuni giardini di Japigia e Carbonara

Un plauso all’ass. Galasso per aver risolto un problema mai preso in considerazione dalle amministrazioni degli ultimi trent’anni.

Le luci all’interno di un giardino pubblico dovrebbero rappresentare la normalità per una città che si vuole definirsi civile, soprattutto se si sta parlando di Bari, capoluogo di una delle regioni più belle e produttive del Sud.

A quanto pare, invece, la dichiarazione dell’assessore ai Lavori Pubblici Giuseppe Galasso lascia intendere che da trent’anni esistono in città giardini non illuminati, con grave rischio per la sicurezza dei cittadini, soprattutto dei tanti bambini che li vivono.

Questa la nota rilasciata dall’assessore:

“Stiamo continuando a raccogliere le segnalazioni dei cittadini che da diversi anni chiedono l’illuminazione, e quindi maggiore sicurezza, in alcuni spazi pubblici della città. Alcuni di questi giardini sono stati realizzati oltre 30 anni fa e sin da allora sono privi di illuminazione. Grazie alla disponibilità di alcuni fondi non spesi dei Municipi i lavori saranno appaltati ed eseguiti entro la fine di quest’anno. Siamo particolarmente soddisfatto di questo risultato, anche perché sono piccoli interventi ma molto significativi che consentiranno finalmente a molti residenti di poter fruire degli spazi verdi d’estate anche nelle ore serali estive”.

Ciò che colpisce è che da trent’anni, mai nessuno ha provveduto a installare dei lampioni in tali giardini. Per la verità esistono a Bari numerosissime areescarsamente o completamente non illuminate. Giusto per fare un esempio, Parco Punta Perotti, al calar del sole diventa un luogo assai pericolo a causa della scarsa illuminazione.

Le luci in città, è bene ricordarlo, non sono un bene voluttuario, ma rappresentano elementi urbanistici di base per l’incolumità dei cittadini e la prevenzione dei reati.

Un plauso va quindi all’assessore Galasso per aver intercettato questo bisogno. Entro la fine dell’anno, dunque, saranno eseguiti i lavori finalizzati ad installare un impianto di pubblica illuminazione in tre giardini pubblici della città. Si tratta di due aree verdi nel quartiere Japigia, uno ad angolo tra via Papalia e via Carabellese e l’altro tra via Loiacono e via Caldarola, e di una a Carbonara, in via Ranieri (intitolato a madre Teresa di Calcutta).

Gli impianti, i cui progetti sono stati messi a punto dagli uffici tecnici del settore Pubblica illuminazione della ripartizione I.V.O.P, saranno a dotati di lampade a led a basso consumo energetico. Gli interventi saranno realizzati attraverso l’utilizzo di vecchi mutui accesi dai Municipi di competenza.

Antonio Curci

© Riproduzione Riservata
Antonio Curci

Antonio Curci

Direttore Responsabile

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: