Cosenza, “Bukurìa Arbëreshe” la bellezza italo-albanese

Domenica 21 maggio corso Mazzini a Cosenza è stato festosamente riempito dal popolo arbereshe che vive nella provincia, colorandolo con i suoi abiti splendidi e raggianti della tradizione italo-alabanese.

Hanno animato con i loro canti tradizionali i gruppi di Acquaformosa, Cerzeto, Civita, Firmo, Frascineto, Lungro, San Basile, San Benedetto Ullano, San Cosmo Albanese, San Demetrio Corone, Santa Sofia d’Epiro e Vaccarizzo Albanese da Cosenza. Dalla Basilicata è giunto il gruppo di San Paolo Albanese e dalla Sicilia quello di Piana degli Albanesi.

La manifestazione è iniziata con la preghiera alle ore 16,30 nella parrocchia del SS. Salvatore in corso Plebiscito e di seguito, di fronte alla chiesa, è stato reso omaggio al busto dell’eroe nazionale d’Albania e degli albanesi, Giorgio Castriota Skanderbeg.

La manifestazione, giunta alla sua seconda edizione, ha ricevuto la benedizione di S.E. Monsignor Donato Oliverio, Vescovo di Lungro degli Italo-Albanesi dell’Italia continentale, ed è stata promossa dalla Parrocchia “Santissimo Salvatore” di Cosenza presieduta dal protopresbitero Pietro Lanza. Il progetto patrocinato dall’Amministrazione comunale con il sostegno dell’Amministrazione Provinciale di Cosenza e dai numerosi sindaci dei Comuni Italo-Albanesi presenti all’evento, ha visto la partecipazione della Federazione Associazioni Arbëreshë e dell’Unione Arberia, che raggruppano le associazioni culturali operanti nei Paesi Italo-Albanesi.

Magda Rita Pacillo

© Riproduzione Riservata
Antonio Calisi

Antonio Calisi

Direttore Editoriale

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: