“Clean up the Med”: spiagge e fondali puliti grazie ai volontari di Legambiente

legambiente_pulizia_spiaggeIn vista della bella stagione, ritorna il prossimo weekend “Spiagge e fondali puliti – Clean up the Med”, progetto promosso da Legambiente per pulire spiagge, scogliere e fondali in tutto il Mediterraneo, troppo spesso scambiato per pattumiera a cielo aperto.

Numerosi gli appuntamenti previsti in Italia e che vedranno la partecipazione di studenti, amministrazioni comunali, associazioni locali e persino detenuti: tutti scenderanno in spiaggia per chiedere maggior rispetto per il nostro mare, fonte di vita, biodiversità e bellezza.

Il 27 maggio, ad esempio, le attività di retake si terranno presso il lido Adriano (Ravenna), in località Pescopagano (Castelvolturno), nella spiaggia delle Monachelle (Pozzuoli), nel comune di Capaccio (SA), Grottamare (AP), Agropoli (SA), Alassio (SV), Margherita di Savoia (BT), Mattinata (FG) e in tante altre aree. Mentre il 28 i volontari saranno impegnati ad Eboli, Paestum, Trani, Trieste, Pizzo Calabro, Modica, Trappeto, Rapallo, Polignano e in tutte le province che hanno compilato la scheda di adesione al progetto (disponibile online al link http://www.legambiente.it/scheda-adesione-spiagge-e-fondali-puliti-clean-med).

Tale associazione senza fini di lucro, nata nel 1980, sarà impegnata in questa iniziativa fino al 12 giugno, ma si prevedono ancora ulteriori adesioni da parte di gruppi, comuni e vari enti, considerata anche la diffusione capillare della stessa sul territorio (oltre 115.000 tra soci e sostenitori, 1.000 gruppi locali, 30.000 classi iscritte a programmi di educazione ambientale, più di 3.000 giovani che ogni anno partecipano ai campi di volontariato).

Giulia Cataneo

 

© Riproduzione Riservata

2 pensieri riguardo ““Clean up the Med”: spiagge e fondali puliti grazie ai volontari di Legambiente

I commenti sono chiusi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: