Bari, in Basilica si è pregato per l’unità dei cristiani

“…chiamati per annunziare a tutti le opere meravigliose di Dio” (1Pt 2, 9)

P1110349Domenica 24 gennaio 2016 alle ore 18,00 nella Basilica di San Nicola a Bari (Largo Abate Elia, 13), si è celebrata una veglia di preghiera ecumenica in cui sono intervenuti cristiani di varie confessioni presenti nella città.

La data tradizionale per la celebrazione della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, va dal 18 al 25 gennaio, data proposta nel 1908 da padre Paul Wattson, perché compresa tra la festa della cattedra di san Pietro e quella della conversione di san Paolo; assume quindi un significato simbolico.

Alla veglia di preghiera hanno preso parte il pastore Samuele Russo della Società Missionaria Evangelica Italiana che ha commentato il brano di Is. 62, 6-7, padre Mikai Driga, presbitero della Chiesa Ortodossa Rumena che ha spiegato il passo biblico tratto da 1 Pt 4, 7b-10 e Sua Eccellenza reverendissima, mons. Francesco Cacucci , Arcivescovo di Bari- Bitonto che ha illustrato il vangelo di Giovanni 4, 4-14. Presenti alla preghiera l’Arcivescovo della United Anglican Churc di Londra, S. G. Rev.ma Dr. Sean Larkin e presbiteri di diverse chiese ortodosse.

La preghiera è stata animata dalla corale ecumenica “Anna Sinigallia” diretta dal M.stro Mariella Gernone.

La celebrazione ecumenica ha posto al centro della preghiera dei simboli: una Bibbia, una candela accesa e il sale per esprimere visivamente le “opere meravigliose” che, come cristiani battezzati, siamo chiamati ad annunciare al mondo. Sia la luce che il sale sono immagini che Gesù usa nel suo Discorso della Montagna (cfr. Mt 5, 13-16). Queste immagini descrivono l’identità cristiana: “Siete voi il sale… Siete voi la luce…” e descrivono la nostra missione: “sale del mondo… luce del mondo”.

Al termine della preghiera i partecipanti hanno acceso una candela e mangiato un pizzico di sale, immagini di ciò che i cristiani devono dare agli uomini e alla donne nel nostro tempo: attingere alla parola di Dio che dà sapore alla vita spesso senza significato e vuota.

Antonio Calisi

 

© Riproduzione Riservata
Antonio Calisi

Antonio Calisi

Direttore Editoriale

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: