Bookmaker artbetting.co.uk - Bet365 review by ArtBetting.co.uk

Bookmaker artbetting.gr - Bet365 review by ArtBetting.gr

Germany bookmaker bet365 review by ArtBetting.de

Premium bigtheme.net by bigtheme.org

Bari Air Show con le Frecce Tricolori

Francesca Rotondo 9 maggio 2017 Commenti disabilitati su Bari Air Show con le Frecce Tricolori
Bari Air Show con le Frecce Tricolori

«Le Frecce Tricolori sono uno dei tanti gruppi di volo dell’Aeronautica Militare (..) Rappresentano i tanti piloti impegnati in compiti operativi e addestrativi, attraverso manovre che dimostrano la capacità professionale, la passione e la lucida, determinata precisione della Forza Armata»

Generale Fernando Giancotti

Sono giorni intensi quelli della Sagra di Maggio, ricca di celebrazioni religiose, manifestazioni civili e culturali ,attività dedicate ai bambini, letture, danze, piccoli eventi teatrali e animazioni per festeggiare al meglio il Santo Patrono di Bari, San Nicola. La città gli rende omaggio ricordando la Traslazione delle reliquie da Myra a Bari. I festeggiamenti, che hanno avuto inizio sabato 6 maggio e si concluderanno il 9, chiamano a sé migliaia di pellegrini provenienti da tutta Italia e dall’estero.

Lunedì 8 maggio, in particolare, è stato un giorno sorprendente. La tradizione barese anche quest’anno ha visto la statua del Patrono di Bari sfilare per le vie della città prima di arrivare al Molo San Nicola, dove si è svolta la messa presieduta dall’arcivescovo di Bari, monsignor Francesco Cacucci. Alla benedizione è seguito l’imbarco della statua del Santo e la consueta processione in mare. A partire dalle 16.25 , i presenti sono stati allietati dal sorvolo di un Tornado Multicolor e da una dimostrazione di elisoccorso con elicottero HH.139A (Hospital Elicopter) del 15° Stormo. Alle ore 16.30, invece,  si è dato avvio all’appuntamento forse più atteso di questa Festa: l’esibizione aerea delle Frecce Tricolori presso il Lungomare Nazario Sauro.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Stiamo parlando della Pattuglia Acrobatica Nazionale (PAN) più numerosa del mondo. Nata nel 1961, è composta da un gruppo di dieci piloti dell’Aeronautica Militare Italiana specializzato in acrobazia aerea. Generalmente la formazione si compone di nove piloti che solcano i cieli in “team” e uno, punta di diamante, che funge da solista.

Quest’anno la formazione ha avuto delle variazioni rispetto al passato. Presso lo storico hangar delle Frecce Tricolori, mercoledì 21 dicembre 2016, si svolse la tradizionale presentazione della Formazione 2017 della PAN che ieri ha solcato i nostri cieli. Un’interessante novità in una delle posizioni chiave della Pattuglia è costituita dal Maggiore Gaetano Farina,  già esperto gregario della compagine acrobatica nazionale e ieri nel ruolo di Capoformazione (Pony 1). Sono rimasti invariati, invece, il Capitano Mattia Bortoluzzi (Pony 6 e Leader della seconda sezione) e il Capitano Filippo Barbero, solista conosciuto come Pony 10. New entry della formazione è il pilota Franco Paolo Marocco, proveniente dalla linea Eurofighter, nello specifico dal X Gruppo Caccia del 36° Stormo di Gioia del Colle (BA).

Quello delle Frecce è un meraviglioso spettacolo “a faccia insù”, che pur ripetendosi  ad anni alterni non smette di emozionare. I caccia della Pattuglia, con i loro rispettivi piloti, hanno animato i cieli baresi “disegnando” cuori e altre forme evocative, per ricordare agli italiani di essere accomunati dallo stesso tricolore e dimostrare ai forestieri la forza della nostra bandiera.

Quest’anno, alla luce dell’intensità del rapporto che lega la città di Bari all’Aeronautica Militare, si è scelta una denominazione inconsueta per la Festa di San Nicola: Bari Air Show. Una dicitura arguta, in grado di saldare la cultura e la tradizione della città con una “manifestazione aerea” di incredibile spessore.
Ma le manovre spericolate e grandiose delle Frecce  non sono solamente “esercizi di stile” fini a se stessi o «evoluzioni spettacolari dove ogni particolare è calcolato ed il rischio ridotto al minimo» (Gen. Giancotti). Esse sono il simbolo di qualcosa di molto più grande ed entusiasmante.
Per dirla con le parole del Generale Fernando Giancotti, comandante delle Scuole e della Regione Aerea della manifestazione, «le Frecce portano il tricolore negli occhi e nei cuori dei nostri concittadini e in tutto il mondo, mostrando cosa il nostro Paese sa fare ed evidenziando il lavoro di tanti uomini e donne dell’Arma Azzurra che lavorano in silenzio con lo stesso fine: formare un’Aeronautica sempre più coesa e sempre più utile al Paese».

 

Francesca Rotondo

 

 

 

Comments are closed.