Addio a Monica Scattini, la “Signora” della commedia italiana

scattiniSi è spenta al Policlinico Gemelli di Roma a soli 59 anni l’attrice romana Monica Scattini dopo una lunga malattia.

Figlia del regista Luigi Scattini, nata e cresciuta sul set, si era distinta nel cinema nostrano per essere una grande caratterista della commedia, nella quale spesso impersonava la tipica toscana benestante.

Studiò recitazione tra Roma e New York, dove ebbe esperienze importanti con Scorsese, Coppola e Marshall. Piccoli ruoli ma un enorme bagaglio da riportare in Italia e mettere a frutto in seguito, nei tanti film dei padri della commedia italiana. Del cinema diceva:“Ero pazza di tutto. Mi sembrava di stare al circo”.  Esordì nel 1974 e a dirigerla fu proprio suo padre in “Fatti di gente per bene”, passando per Pupi Avati (Dancing Paradise), Ettore Scola (La famiglia e Ballando ballando), Dino Risi (Tolgo il disturbo), Mario Monicelli (Parenti Serpenti), Carlo Mazzacurati (Un’altra vita), Christian De Sica (Uomini uomini uomini e Simpatici e Antipatici), Carlo Vanzina (Selvaggi e Vacanze di natale 2000), Alessandro Haber (Scacco pazzo).

Esuberante, comica, comunicativa ed entusiasta Monica Scattini era un’attrice sempre pronta a mettersi in gioco dai ruoli brillanti sul grande schermo che gli sono valsi prestigiosi premi come il David di Donatello nel 1994 con “Maniaci sentimentali” di Simona Izzo e il Nastro d’argento per “Lontano da dove”, al successo ottenuto sul piccolo schermo, lasciando un segno in fiction tv di successo come “Elisa di Rivombrosa” e “Un ciclone in famiglia”.

L’ultima apparizione è del 2014 nel film “Una donna per amica” di Giovanni Veronesi.

Carlo Verdone la ricorda commosso “Monica Scattini era una bravissima attrice, una persona sempre cordiale e col sorriso, una persona speciale, era sempre tifosa degli altri, non l’ho mai sentita mai parlare male di qualcuno, era una persona positiva, che ti spingeva a volerle bene”.

I funerali si terranno sabato 7 febbraio alle ore 12,30 nella Basilica di Santa Maria in Trastevere.

Con Monica Scattini se ne va “il sorriso” del cinema italiano, un’attrice che aveva fatto delle sue imperfezioni i suoi punti di forza. Una vera Signora della settima arte.

 Ilaria Sinopoli

 

 

© Riproduzione Riservata
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: